Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
un ragazzo mi ha chiesto come faccio io a fare ancoree
25-03-2013, 12:34 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 25-03-2013 12:52 PM da Fianna.)
Messaggio: #1
un ragazzo mi ha chiesto come faccio io a fare ancoree
ecco la mia risposta che gli ho dati su fb:

Non è difficile ragazzi...Vi dico le tecniche che ho usato su di me. Tenete presente gli alieni vi interrompono il flusso dei ricordi, ma avete tutti i dati nella memoria a lungo termine. Insomma una cosa è certa: i ricordi nessuno ve li ha presi e portati via in modo che non possiate più raggiungerli. Spesso basta guardare la scena da un' altra angolazione o in modo diverso e la scena si ricostruisce. Es. Ricordo la faccia del grigio e poi più nulla. Allora io mi guardo bene l'ultimo fotogramma che ricordo, poi inizio a scurire la scena. Escono altri particolari? Poi la schiarisco. Esce altro? Poi la guardo in uno specchio. Poi la capovolgo. La allontano , la avvicino. Puoi "giocare" con tutte le submodalità -che sono appunto le modificazioni di cui ti parlo- (in questo libro le trovate anche per cinestesici oltre che per visivi...A me ha aiutato moltissimo: "Guida per l'Esperto alle Submodalità", Bandler e Grinder). Poi prendo la scena e la tiro a destra, ed esce se c'era qualcosa a sinistra, poi la tiro a sinistra, ed esce che c'era a destra...Gli faccio di tutto all'ultima immagine che ricordo Poi se non viene da sè come continua inventi che è successo dopo, il cervello che lavora in economia, non inventa ma va a prendere dai ricordi che già ha...Per ricordare all'indietro uso questo modo che mi spiego' un operatore Utilissimo quando ti svegli e non ricordi una cippa, hai solo l'angoscia a mille... Allora prendi un foglio, metti nel mezzo il mento del risveglio (io lo segnalo con una x) . a destra e a sinistra metti lo spazio dove scrivere e poi attribuisci come ti viene le submodalità al momento prima del risveglio ed a quello dopo, es: scuro/chiaro: che metti prima e che metti dopo il risveglio???
Grosso/sottile? idem...Colore? Forma? Suono? Caldo/freddo?
Ruvido/morbido? Bagnato/secco? Contrastato/sfocato?
Luminoso/buio? Netto/confuso? ecc. Insomma ne metti piu' che puoi...Apparte che già così assicuro che spesso basta a ricordare ed a fare uscire tutto...Es se ti hanno infilato nei contenitori ma non te la ricordi, ad asciutto/bagnato attribuisci di sicuro il bagnato a prima del risveglio...In pratica basta rileggere la lista poi per capire che è successo!!!Almeno per me era cosi'... Comunque la tecnica prevede poi di proiettare a prima del risveglio le submodalità che hai dato a dopo il risveglio, cioè es. se a dopo hai dato luminoso e a prima buio prova a trasferire in testa tua queste qualità a che è successo prima e poi riproietta la scena di che è successo quando non ricordi e vedi che viene...Alla peggio recuperi anche un solo fotogramma e da li' riparti con l'àncora classica...Ma io assicuro che io facendo cosi' capivo sempre che era successo Questi i miei metodi...Ti ho risposto perchè chiedevi come faccio io, ma ovvio come dico sempre anche io meglio sentire i documenti ufficiali su come si fa, sempre e comunque, almeno si va sul sicuro

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)