Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Trascrizione: CORRADO MALANGA - L'AUTOGUARIGIONE - 13 APRILE 2015
14-07-2015, 02:50 PM
Messaggio: #1
Trascrizione: CORRADO MALANGA - L'AUTOGUARIGIONE - 13 APRILE 2015
CORRADO MALANGA - L'AUTOGUARIGIONE - 13 APRILE 2015

Intervistatore: ciao Corrado

Corrado: ci sono, dimmi tutto

I: ciao, innanzi tutto colgo l'occasione per ringraziarti a titolo personale, e anche per conto dell'associazione culturale “terra mater”, con cui collaboro, la cui missione è la condivisione e la divulgazione delle informazioni che conducono, che portano all'autoguarigione che è il motivo principale per cui oggi siamo qui a conversare.
Io ti chiedo in primis: chi è in breve e di che cosa si occupa Corrado Malanga?

C: mah, attualmente io sono un chimico organico del dipartimento di chimica in chimica industriale dell'università di Pisa e mi occupo di chimica organica, ma mi sono occupato da 40 anni forse di più del problema legato alla presenza aliena su questo pianeta.
Nel fare questo tipo di ricerche mi sono reso conto che non era utile studiare gli alieni se prima non si era capito com'era fatto l'uomo.
Per cui la nostra ricerca si è re-diretta negli ultimi 10 anni in particolare al tentativo di comprendere com'è fatto l'uomo, com'è fatta la coscienza, dove abita, dov'è, se il cervello e la mente sono la stessa cosa oppure no....
E in questo contesto chiaramente la cosa importante è aver compreso o aver creduto di comprendere che l'essere umano è più di quello che si dice in giro, ma è il creatore dell'universo. E' lui stesso quindi inconsapevolmente crea la realtà che lo circonda come se fosse un'esperienza da percorrere. Non a caso ne è inconsapevole, ma quando ne diventa consapevole è chiaro che il passo successivo è “beh, vediamo se riusciamo a modificare gli eventi come vogliamo noi”, questo è un aspetto della questione, chiaro che a questo livello una delle cose che ci si chiede è: “beh! Se io sono malato, posso guarire?”

I: certo, infatti adesso io colgo l'occasione per chiederti se durante il tuo percorso di studio hai sottoposto tantissime persone ad ipnosi regressiva. Ci sono stati dei casi di guarigione da malattie gravi?

C: sì, ci sono stati casi di guarigione da malattie gravi, ci sono stati casi di fenomeni che la gente comune potrebbe chiamare paranormali, ma che io semplicemente dico di modificazione della realtà virtuale.
Tra questi c'è: o lo spostamento di oggetti, che ne so', l'accensione della tv a distanza, la lettura di un libro che sta nell'altra stanza, o la guarigione da un tumore, sono praticamente posti sullo stesso piano.
Mi ricordo per esempio, alcuni addotti che avevano problemi di varia natura che si sono auto-guariti dopo aver compreso che la loro parte animica - che veniva fuori all'interno delle ipnosi, ed è una vera e propria parte di coscienza, non tutta ma una parte....- bene! Questa parte animica è in grado di modificare la realtà e quindi di auto-guarire sé stessi, non solo! ma anche guarire gli altri! malattie di vario genere tra cui anche sicuramente dei tumori.

I: si....tu...successivamente hai messo a punto il tctdf, questo strumento può considerarsi uno strumento di auto-guargione?

C: questo strumento può considerarsi non tanto di auto-guarigione quanto di auto-consapevolezza. Perchè? La malattia viene vista dalla coscienza, come un'esperienza che tu stesso inconsciamente hai deciso di passare perchè la malattia ti serve per comprendere qualcosa di te che non hai ancora compreso.
Da questo punto di vista, bisogna ricordare che la malattia...per esempio...che ne so...può essere un tumore, ma anche la psoriasi, molto più semplicemente, rappresenta una zona di tessuto, per esempio, epiteliale che assume disordine, cioè è più disordinata, le cellule son più disordinate le cellule malate che non le cellule ordinate.
Questo vuol dire che c'è una variazione di entropia nell'universo. Noi sappiamo che il secondo principio della termo-dinamica ci dice che l'entropia aumenta sempre, cioè aumenta quello che viene chiamato dai preti il “disordine” e dai fisici “ordine”.
Per cui non è un processo spontaneo l'ammalarsi, il processo spontaneo sarebbe guarire.
E allora come mai una malattia accade? Perchè si va contro il secondo principio della termo-dinamica, che non è possibile?
la risposta è che prima di essere malati, il corpo doveva avere un disordine anche se non visibile più grande di quando si è malati. Questo perchè il disordine non è legato tanto alla malattia, quanto alla consapevolezza.
Allora, all'inizio abbiamo un corpo molto disordinato cioè molto poco consapevole di sé, che per comprendere e per acquisire consapevolezza si ammala, perchè tu possa comunque vedere, attraverso la malattia, quel qualcosa che tu non comprendi.
E il corpo malato assume una consapevolezza, per quanto possa sembrare strano, superiore al corpo sano inconsapevole.
Il terzo step è: aumentare la propria consapevolezza uscendo dalla malattia.
E quindi in questo percorso, il secondo principio della termo-dinamica è totalmente rispettato, perchè malato e inconsapevole è uguale, sono sinonimi.
Questo vuol dire che se tu conosci chi sei, sai chi sei, non puoi ammalarti.

I: ok, quindi si può definire “ignoranza=malattia” ...no?

C: sì.....ignoranza forse non è il termine esatto, ma la non consapevolezza di sé forse è più corretto.

I: benissimo, che differenza c'è tra anima e spirito?

C: la differenza in termini fisici è che anima può essere rappresentata come un gruppo di tensori e di vettori a 90 gradi tra di loro, che si mettono a 90 gradi perchè sappiamo fare bene il segno dei 90 gradi, non per altro motivo, quindi è una nostra scelta....anima ha un vettore che è energia potenziale, ha un vettore spazio, ma non ha un vettore tempo, cioè anima vede il tempo come un tutt'uno non come un passato-presente-futuro ma come un eterno presente.
Spirito ha il vettore energia, ha il vettore tempo, ma non ha il vettore spazio. Spirito cioè vede lo spazio come se fosse un tutt'uno, non c'è un “qui” e un “là”, c'è un unico posto.
In parole povere anima e spirito che hanno quindi situazioni vettoriali completamente differenti possono essere rappresentati da quelle particelle sub-atomiche che si chiamano o bosoni o fermioni che seguono delle leggi di simmetria dell'universo ben precise.
Da un punto di vista lessicale, anima per la religione ebraica è “ruah” mentre lo spirito è “nefesh”, anima e spirito sono stati tradotti dall'ebraico al greco già sbagliando tutto, quindi mettendo questi termini “a cavolo”. E poi chiaramente dal greco all'italiano c'è stata ancora una ulteriore cattiva traduzione che non ci fa più comprendere che cosa nel mito è anima e spirito.
Recuperare il mito vuol dire comprendere che anima e spirito sono, nel mito, la rappresentazione del maschile e del femminile, cioè dell'uomo nella torah si dice “l'adama”, cioè non “l'adamo” “l'adama” nel senso di neutro, cioè quell'essere androgino che poi diventerà maschile e femminile perchè qualcuno lo separerà nel maschile e nel femminile. E oggi noi abbiamo un lobo destro e un lobo sinistro che sono la rappresentazione se vuoi anche un po' teosofica della ruah e del nefesh.

I: sì....ti chiedo inoltre: tanti maestri spirituali hanno dato indicazioni circa l'alimentazione naturale, sostenendo che tutto il regno animale avendo un'anima non può essere considerato cibo dagli uomini poiché fanno parte dello stesso regno, quindi è deleterio cibarsene.
Hai mai constatato nelle varie conversazioni con anima se ci sono state indicazioni in merito?

C: dunque il quadro che ci siamo fatti è abbastanza semplice. Per quanto sia la definizione di anima di mente e di spirito una definizione per noi puramente vettoriale, anche se questi gruppi di vettori sono dotati di una coscienza animica, mentale e spirituale, che quando la triade cioè l'anima la mente e lo spirito non sono unite in una coscienza integrata ogni coscienza va per i cavoli suoi, sono coscienze che si misurano verso un vettore che noi abbiamo definito vettore di consapevolezza e che è il prodotto vettoriale tra i due vettori presenti nella cosa che stiamo guardando.
Esempio: anima ha l'asse dell'energia e l'asse dello spazio, con la cosiddetta regola della mano destra noi riusciamo a fare un prodotto vettoriale e verificare che la coscienza, o meglio la consapevolezza dell'anima è posta proprio sul vettore temporale che non ha nessun valore per la parte animica, cioè la coscienza di anima, la consapevolezza di anima del tempo è una consapevolezza totale.
Ma questo cosiddetto rapporto vettoriale, ci fa capire una cosa fondamentale, che:
solo gli uomini sono abitati come contenitori da uno spirito, una mente e una parte animica, mentre gli animali e gli umani no.
Cioè la parte animica per una serie di problemi piuttosto complessi non è scesa in tutti i contenitori. Ma questo non vuol dire, per altro, che noi si possa mangiare animale perchè, ora, siccome non hanno la parte animica allora si possono mangiare....no!
Il problema dell'alimentazione è un problema che segue la consapevolezza, cioè:
avete mai fatto caso, per esempio....ora sono di moda i i vegani, ebbene, i vegani sono quelli che non mangiano assolutamente nessuna carne nessun pesce e nessun tipo di sotto-prodotto che possa derivare da una strumentalizzazione del mondo animale.

I: sì

C:....tra un po' neanche del mondo vegetale....allora cosa succede? Che i vegani, che sono vegani per moda muoiono di fame. Muoiono nel vero senso della parola!
Mentre i vegani che conoscono che hanno acquisito consapevolezza di sé, sanno perfettamente che il corpo umano non ha bisogno di nutrirsi e vivono senza mangiare.
Questo perchè è importante sottolinearlo?....perchè se te fai una cosa per il gusto di farla perchè è una moda, ma non hai consapevolezza di quello che stai facendo, quella cosa ti si rivolge contro.
Quindi: nell'istante in cui l'essere umano non aveva consapevolezza di sé, è chiaro che era un essere umano carnivoro, onnivoro, e non aveva rispetto per l'altra parte di sé che è l'animale, perchè non c'è nessuna differenza tra te e l'animale, tra te e una pianta, tra te........
hai costruito tutto te, è una parte di te come se tu ti mordessi una mano quando mangi un pollo!

I: sì

C: se non ne sei consapevole questo è quello che succede. Mano a mano che la consapevolezza degli umani aumenta, vedi che il cibo degli esseri umani cambia....cioè, piano, piano gli esseri umani fanno sempre meno uso di carne, sempre meno uso di pesce e faranno......fra...in futuro, non so quando, quando avranno acquisito la consapevolezza...e lo potranno fare perchè bisogna acquisire consapevolezza sennò non lo puoi fa perchè mori! Accoglieranno la consapevolezza come quei santoni indiani di cui si parla, che non c'è bisogno di nutrirsi, perchè tu hai compreso che sei tu il creatore del tuo contenitore.
E quindi essendo il creatore del tuo contenitore ci fai quello che vuoi! E non c'è più bisogno di mangiare! Ma ne devi prima aver acquisito consapevolezza!

I: certamente.....certamente....un'altra domanda che in un certo senso non era in programma è: “che relazione c'è tra la fisica quantistica e la spiritualità? Semmai c'è ne fosse una relazione?”

C: ma qui sono fiumi di letteratura, basta andare su internet, basta cercare...che ne so...su internet c'è una rivista che si chiama “non locality”....bene...andate a vedere e scoprirete che ci sono dei fisici quantistici, dei neuro-fisiologi che parlano di coscienza e di consapevolezza.
In questo contesto, Penrose, che è un fisico quantistico, particellare inglese – sostiene che nel cervello vi sono dei piccoli posti chiamati micro-tuboli, di grandezza atomica, i quali micro-tuboli si formerebbero dei cosiddetti “fotoni-dark” cioè fotoni oscuri, non neri, oscuri, nel senso che te non sai come sono fatti, oscuri in quel senso.
Questi fotoni-dark secondo la biologia moderna, produrebbero dei bio-fotoni cioè dei fotoni a bassa energia, che sarebbero visibili nell'infrarosso.....ci sono dei lavori scientifici pubblicati sui giornali di fisica, e di fisica ottica.....e questi bio-fotoni, sarebbero prodotti quindi dal corpo umano.
A produrre questi bio-fotoni ci sarebbe la tua volontà. E i bio-fotoni per esempio, si nota, sono espressi sopratutto dal palmo delle mani. E, guarda caso, è il palmo delle mani che nelle antiche culture viene imposto ai tessuti malati per poterli guarire.
E non solo, ma si sono fatte delle misure interessanti per cui questi bio-fotoni che vengono quindi da un discorso puramente di fisica quantistica, sembrerebbe che vengano emessi dai tessuti ad alto disordine, quindi a bassa entropia, cioè i tessuti malati, che sono più luminosi, guarda caso, dei tessuti sani.
Ma vuoi vedere che è a questi bio-fotoni che noi dobbiamo dare il compito di auto-guarigione?
E....da questo punto di vista, questa è una cosa che io sto scrivendo ora, un articolo che si chiama “evideon 3” che fra qualche mese, magari riuscirò a mettere on-line, piuttosto complicato, e credo che non ci dirà niente e nessuno, ma spero di no, in cui si parla proprio della fisica quantistica e della coscienza. Perchè se è la coscienza a creare la luce, e la luce sono i fotoni.....nel mito c'è questo, c'è scritto questo:
noi siamo i creatori della luce, esiste solo la luce, cioè nell'universo, che è un universo olografico, frattalico, c'è un solo mattone con il quale è costruito tutto, il fotone e non c'è altro.
E se ora riusciamo a dire, dimostrare che a indicare che noi siamo i produttori di fotoni, ancora in questo contesto, la nostra coscienza è quella che ha creato la fisica quantistica.

I: certo...Corrado io forse ti farò ripetere magari ciò che hai già detto, però ti voglio chiedere ancora in modo più esplicito, quindi cos'è secondo te l'auto-guarigione?

C: l'auto-guarigione è semplicemente la presa di consapevolezza che noi siamo i creatori dell'universo.

I: benissimo. L'ultimo tuo lavoro, “evideon”, in modo....come dire...più semplice, come può esprimerlo in modo più semplice? ...con poche parole....

C: allora ci sono due lavori della serie “evideon”. “evideon” che è uscito anche in cartaceo ed “evideon 2” che uscirà a ottobre su in cartaceo, mentre io sto scrivendo l'ultimo per fortuna per voi e per me che sarà “evideon 3”, dopodiché non mi vedrete più, non mi sentirete più....è il tentativo di mettere insieme la coscienza con la quantistica.
Evideon è il primo step, cioè faccio vedere come esiste il fotone, ma il fotone che la fisica moderna vede è in realtà una formula limite di risonanza, una moneta a due facce, di cui una è un fotone e l'altra è un anti-fotone, cioè l'anti-particella del fotone.

Il fotone e l'anti-fotone si interconvettirebbero tra di loro a una velocità altissima sotto i dieci alla meno 44 secondi, che è il tempo di Plank. Così, siccome il fotone mostrerebbe massa e l'anti-fotone mostrerebbe anti-massa, in realtà l'oscillazione “fotone/anti-fotone, produrebbe non solo quantisticamente parlando, l'andare avanti del tempo e dello spazio, che sono “eden-energia” che sono le tre cose uniche che esistono in questo universo virtuale.
Non solo quindi il fotone nel trasformarsi in anti-fotone rapidamente produrebbe l'universo, ma il fotone virtuale cioè quello che non ha massa, che avrebbe massa e anti-massa contemporaneamente e così velocemente che ai fisici sembra non avere massa......ebbene, il fotone è l'unico mattone dell'universo con cui si può costruire tutto.
Infatti con il mio modello chiamato evideon, cioè evidenza....si rende evidente, a te che hai consapevolezza che le cose stanno così...ebbene, l'evideon come simmetria, ha una simmetria tale da poter mimare tutte quelle che sono le particelle sub-atomiche esistenti, non solo, ma tutti gli urti tra le particelle sub-atomiche che all'cern collider ci vogliono 27 milioni di euro per fare un esperimento, a me 5 minuti con i modellini molecolari sulla mia scrivania.

I: quindi si risparmia qualche euro facendolo così come dici tu...

C: assolutamente! Anche perchè 27 milioni di euro per cercare un bosone di Higgs che non esiste mi sembra tanto!

I: beh, in effetti nel periodo in cui siamo crisi e quant'altro potrebbero essere spesi altrimenti questi soldi

C: assolutamente sarebbe meglio innanzitutto farci degli ospedali e delle scuole, e poi magari così, facendo delle scuole, poi, uscirebbero delle persone intelligenti che capirebbero che il bosone di Higgs non esiste, e risparmieremmo per sempre questi 27 milioni di euro.

I: certamente.....per quanto riguarda il discorso dell'alimentazione di cui poc'anzi parlavamo...tu nel corso di questi anni hai cambiato alimentazione o.....

C: io ho cambiato alimentazione, sto cambiando continuamente alimentazione perchè la consapevolezza aumenta e mano a mano che aumenta, aumenta anche.....cambia la mia alimentazione come cambia il mio comportamento, come cambia il modo di vestire, come cambia il modo di parlare, come cambia il modo di scrivere, cioè come cambia il modo di vivere la vita.
Perchè la vita è la rappresentazione del corso coscienziale che te ti stai preparando a fare ogni giorno, quindi io sono nato sostanzialmente che non ero carnivoro, a me la carne mi faceva schifo, poi..... - quando abitavo in liguria – e poi sono venuto per gli studi ad abitare in toscana, a Pisa per l'università, e qui ho cominciato un po' a mangiare la carne, e ora la sto ri-abbandonando quasi totalmente, piano, piano, nel tentativo, mentre l'abbandono, in un modo organico e armonico, comprendo che la posso abbandonare,

I: esattamente.....è abbastanza chiaro ciò che dici.....Corrado, grazie per la disponibilità per la tempestività con cui ci hai risposto, e questo oggi non è da poco, con gli impegni che hai, non è semplice gestire tutto però ti sei dimostrato una persona molto semplice e pratica

C: sì, beh perchè sennò dovevamo andare alla prossima settimana perchè ora cominciano le lauree, le lezioni, un casino allucinante e allora ho cercato di trovare il posto per fare questa cosa

I: benissimo, grazie ancora.....e un'ultima cosa, coloro che ci ascolteranno e volessero intraprendere come ricercatori personali i tuoi studi, dove e come possono cercarti su internet?

C: mah....CorradoMalanga.com, molto semplicemente

I: perfetto, grazie ancora Corrado.....

C: grazie a te

I: grazie, un abbraccio

C: a presto

I: ciao

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
01-08-2015, 01:03 AM
Messaggio: #2
RE: Trascrizione: CORRADO MALANGA - L'AUTOGUARIGIONE - 13 APRILE 2015
gente la trascrizione l'ho fatta ma non son stata lì a controllare errori di battitura o salti di frasi
se li trovate mi scuso.

buona lettura Big Grin
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
01-08-2015, 10:56 AM
Messaggio: #3
RE: Trascrizione: CORRADO MALANGA - L'AUTOGUARIGIONE - 13 APRILE 2015
li abbiamo già corretti fanciulla Cool Ma scrivi benissimo,ce ne erano 2 di termini tecnici e uno era un errore di battitura.Tel'avevo scritto in chat si vede non hai letto poi. Questa trascrizione l'abbiam messa sul fans club di fb, molto apprezzata.
Qui siamo a piu' di 300 visite, diciamo la leggono volentieri Smile

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)