Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 1 voti - 1 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
esperienza insolita...
27-10-2017, 09:46 PM
Messaggio: #51
RE: esperienza insolita...
sì caro sono io, e sì fanno accadere grosse bastardate.

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
30-09-2018, 12:32 PM
Messaggio: #52
RE: esperienza insolita...
Ciao a tutti!
Aggiornamento dopo circa un anno.
Nell'ultimo post descrivevo il ripetersi delle interferenze.
Ho rifatto la tctdf un paio di volte e per svariati mesi non ho avuto nessuna 'esperienza aliena' o 'insolita', fino alla primavera/estate appena passata.
I mesi trascorsi e i giorni attuali non sono stati tranquillissimi a livello personale:
preoccupazioni legate alla salute dei miei genitori in primis, scomparsa di parenti e amici (cui ero legato) e l'ennessima (ahimè) delusione affettiva (un'altra vangata sui denti, per dirla in breve...).
Ovviamente sono delle situazioni che capitano alla maggior parte della gente: è la vita! Pur rimanendo delusi e/o dispiaciuti si accettano e si va avanti.
Questo mio stato d'animo deve aver inciso o facilitato le 'esperienze' che vi dirò in seguito.
Indubbiamente ho abbassato la guardia e l'attenzione sul 'problema', mio errore non rifare periodicamente il tctdf.
Non ho interrogato 'coscienza' o 'anima' per nessun motivo...permane la diffidenza nei loro consigli.
Sintetizzando si sono ripetute le paralisi notturne, un paio di volte la visione di notte della luce azzurra nella stanza da letto e il suono ipnotico (da me definito) 'circolare'.
In una delle paralisi notturne (ero cosciente) ho sentito delle voci formarsi in testa...ancora di due tizi che conversavano in inglese, poi di una voce femminile che diceva chiaramente:"Il tessuto è danneggiato!".
Penso non si riferisse alle lenzuola o al mio pigiama, doveva essere un medico o qualcosa del genere.
Infatti è comparsa un'altra voce che mi tranquillizzava: tutto sarebbe andato bene!
Una fragorosa risata è stata la risposta alla mia domanda di identificarsi...sentita la presa per il sedere, ho augurato al 'tipo' di andarci in quel posto...lui ha riso ancora più forte:"certo..si certo, come no!"
Prima di uscire fuori dallo stato di paralisi ho riversato sul simpaticone una serie di epiteti in parigino stretto...
Questo accadeva all'inizio dell'estate poi nulla se non la mia ormai 'cronica' e costante insonnia.
Alcuni giorni fa è stata ospite mia sorella minore. Per la notte ho lasciato a sua disposizione la camera da letto e mi sono sistemato sul classico divano nella stanza attigua. Non è stata la sua prima visita al fratello 'solitario'...
La notte di mercoledì scorso, saranno state le tre/tre e mezza del mattino, mi sono alzato per andare al bagno e ho notato la luce accesa nella stanza dove riposava mia sorella.
Mi è parso strano, doveva alzarsi un paio d'ore dopo per andare in stazione, ma non indagai oltre.
Fu proprio mia sorella, qualche ora dopo, a svelarmi il motivo del perchè avesse acceso le luci nel cuore della notte.
Aveva dormito pochissimo e male, con incubi riguardante la salute dei miei genitori (anche lei e più di me è preoccupata) e altro di raccapricciante.
Per la verità anche per me fu una notte insonne e pervasa da sensanzioni strane e inquitanti...solo sensanzioni nulla in più.
Comunque, letteralmente, pietrificai al sentire le seguenti parole di mia sorella:"Forse mi sono sbagliata...ma destatami improvvisamente ho visto la stanza da letto illuminata da una luce azzurrognola...che ansia! così ho acceso l'abat-jour."
Ripresomi dallo stupore (ma non tanto, per dirla tutta) le raccontai che anch'io avevo visto quella luce di notte.
"Allora hai la casa infestata!"...risposi che forse i fatti non stavano in quel modo, perchè (ma non ne sono sicuro) avevo visto la luce anche a casa dei nostri genitori...ma non aggiunsi nulla in più.
Non volevo spaventarla ulteriolmente, visto che anche lei, per svariati motivi, non attraversa un momento tranquillo.
Preciso che non ha mai avute le mie esperienze 'insolite', tranne una volta nel dormi-veglia la visione di una 'sfera' a forma di gatto(?).
Ovviamente in una famiglia possono esserci più di un addotto, ma come mai mia sorella ed il sottoscritto hanno visto la famosa luce (e in qualche maniera abbiamo preso coscienza di alcune stranezze) proprio in quella stanza?
Cosa ha, se veramente lo ha, di particolare (inteso a livello 'energetico')?
Molti dubbi...l'unica certezza è riprendere al più presto il tctdf...
Grazie per l'attenzione.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
01-10-2018, 09:20 PM
Messaggio: #53
RE: esperienza insolita...
Credo che quest'esperienza da te raccontata ci dimostra che fare semplicemente il TCTDF non basta... nel senso che prima bisogna comprendere totalmente cosa si sta facendo, ma sopratutto il TCTDF non è la fine, ma l'inizio di un percorso di consapevolezza in cui il dialogo tra te e la triade deve essere giornaliero, bisogna farsi guidare dalla C.I. e non dalla proprie emozioni. Quindi come hai detto tu stesso, procedi a una revisione del TCTDF, che mi pare strano che l'hai dovuto rifare, dato che ciò indicherebbe che non è stato fatto bene.
Mi raccomando di interrogare Coscienza tua, chiedi spiegazioni, ricorda di diventare ONDA, e per finire che il nulla e il tutto sono la stessa cosa ma che, attaccato al nulla, niente può stare! Wink.
Fatti coraggio, e vedi che gli eventi che ti stanno capitando non sono casuali, ricorda che il metodo preferito da C.I. per comunicare con noi è l'ESPERIENZA... in tutto quello che facciamo c'è un messaggio che noi scambiamo molte delle volte per il caso, ma sappiamo bene che il caso non esiste e che noi inconsapevolmente ci creiamo l'esperienza...
Sembra strano ma una volta che siamo integrati e che abbiamo iniziato il nostro cammino, i problemi apparentemente aumentano, e soffriamo, ma è solo un modo di spronarci ad andare avanti e a seguire le indicazioni che vengono dal profondo di noi stessi.
Ti do un consiglio, anche se i consigli valgono solo per chi li dice Big Grin, per quanto riguarda le faccende amorose, bada a distinguere il vero amore da quello che in realtà è un bisogno di amore. Quando cerchi l'amore fuori vuol dire che non lo trovi dentro. Ma non mi dilungo troppo su questo argomento dato che l'esperienza fa da maestra!
E che dire, Buona Strada!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
02-10-2018, 11:35 PM
Messaggio: #54
RE: esperienza insolita...
Grazie Alex per la risposta.
Ovviamente ero consapevole che solo il TCTDF non bastava a liberarsi del problema.
Come hai scritto la 'liberazione' va fatta giorno dopo giorno un passo alla volta.
Conta molto non abbattersi e avere un approccio positivo sulle difficoltà e problemi personali; l'arrendevolezza, vedere negativo (faccio auto-critica, ci cado spesso) non aiuta a risolverli e si fa il gioco di queste entità, il cui obiettivo è mantenerci a 'bassa energia'...
Nella vita in generale e nel problema specifico non bisogna mollare o abbassare la guardia.

Si certo non succede nulla per caso: gli accadimenti hanno un fine, forse una logica più o meno nascosta.
Di positivo, dei fatti della settimana scorsa, è la conferma, da parte di mia sorella, che l'esperienze avute nel passato sono reali, non frutto di immaginazione o di allucinazioni.
Sono un ingegnere, abituato alla razionalitià e se pur con la mente aperta trovo ancora incredibile che possano esistere interferenze aliene o altri fatti inspiegabili.

Mi rimboccherò le maniche e rifarò il TCTDF, ma in particolare, vincendo un certo scetticismo nei loro confronti, cercherò di recuperare il dialogo con anima/coscienza integrata.

Probabilmente non è il forum giusto per parlare di problemi di cuore: si forse faccio fatica a distinguere l'amore con il bisogno d'amore...questo nasce da esperienze negative nell'infanzia e adolescenza, di questo non hanno voce in capitolo gli alieni ...anche se secondo Fianna (seguo i suoi video, faccio i complimenti!) gli addotti hanno problemi nel relazionarsi con l'altro sesso.
Comunque il bisogno d'amore fa parte della nostra condizione di esseri umani...per molti il rapporto sentimentale può essere una delusione o un'esperienza negativo, ma lo reputo importante per la crescita di una persona.
Più che amor proprio (penso di averlo, visto che mi mantengo in vita e tento di migliorare) serve più fiducia nelle proprie capacità...su questo punto devo lavorarci.

Vi terrò aggiornati, grazie ancora!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)