Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Bruce Lee secondo Malanga
30-11-2016, 03:05 PM
Messaggio: #1
Bruce Lee secondo Malanga
Non me ne vorrà Fenice, se le rubo un pezzettino di post suo in cui trascrive l'intervista al Prof. "la Vita è un film":); ma visto che in altri post si è citato un personaggio come Bruce Lee, mi sembrava interessante estrapolare dal grande lavoro di Fenice la parte in cui Malanga parla di un film con Bruce Lee:

"Un film interessantissimo è anche quello che riguarda la pagoda di bruce lee.
Bruce lee ha fatto un film che non ha mai potuto finire e che è un film archetipico, simbolico, ideico. Pensate: nel film il personaggio di bruce lee è un ragazzo a cui un gruppo di mafiosi locali porta via il babbo e la mamma, glieli rapisce, perchè vuole obbligare bruce lee che è in grado di lottare contro le forze del bene e del male, di lottare per la mafia.
La rappresentazione in realtà vuol dire che chi comanda ha preso i tuoi genitori, lo spirito e l'anima, il maschile e il femminile, ha preso le tue origini, tu non ti ricordi più chi sei, e bruce lee è costretto a lottare per riprendere le proprie origini contro i cattivi, e i cattivi abitano in una pagoda a 5 livelli a ogni livello ci sarà un lottatore diverso.
I 5 livelli della pagoda rappresentano chiaramente come è fatto l'universo virtuale che noi sappiamo essere fatto a 7 livelli. Dove nel primo c'è la coscienza totale, e nell'ultimo ci siamo noi, e nel mezzo ci sono i cosidetti angeli del piano di sopra, cioè tutti quegli alieni che in qualche modo hanno tentato di bloccare noi nella nostra esperienza.
Almeno così io descrivo questo fatto in genesi sapendo che i livelli sono 7, perchè l'universo è olografico, l'universo è frattalico e tutto è legato sul numero 7 e sul numero 8. 8 ottanti nell'universo , 7 livelli energetici, 8 gruppi di elementi chimici, 7 livelli energetici, 8 ottave delle note musicali, 7 note musicali e così via.
Tutto frattalico, in questo contesto Bruce Lee vince piano piano ognuno dei lottatori che sta ai diversi livelli per arrivare fino in cima, l'ultimo lottatore è un gigante nero scuro di pelle fotosensibile, che porta gli occhiali neri perchè ha paura della luce e Bruce Lee riesce a sconfiggere l'alieno gigantesco e nero, che è la rappresentazione di quello che noi chiamiamo nella nostra genesi Ra, che noi chiamiamo l'essere che viene dall'altra dimensione che noi chiamiamo shiva nel mito induista, colui che non ha corpo ma che usa l'incarnazione di Visnu.
Riesce a vincere questo gigante facendo entrare la luce, cioè la conoscenza, la consapevolezza, e Bruce Lee vince tutti i lottatori, non torna, non va in alto a prendersi la coscienza, cioè noi non torniamo all'inizio ma lui scende giù e continuerà all'ultimo livello a livello della società a fare la sua esperienza, perchè questo noi dobbiamo fare, noi non dobbiamo ascendere come dice falsamente la new age, ma dobbiamo avere il coraggio di scendere fino in fondo e fare l'esperienza delle 3 dimensioni, cioè sapere cosa vuol dire vivere, morire, prendere la martellata sul piede, gioire, avere i dolori. "
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)