Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
walking amoung us di David Jacobs
03-08-2017, 01:18 AM
Messaggio: #1
walking amoung us di David Jacobs
Librone in inglese, me lo sto traducendo poco a poco con vari aiuti.
Scrive benissimo usando spesso parole inglesi di radice latina, credo abbia lavorato apposta per rendere il libro comprensibile a piu' persone possibili, grazie Proff Smile
Quando l'ho finito ci faro' un video, ma apro questo post per appunti e considerazioni strada facendo.
Il libro non parla di adduzioni propriamente, ma del piano di conquista del pianeta da parte degli alieni. Motivo per cui Jacobs l'ho sentito prendere parecchio in giro anche da persone che dovrebbero intendersene... Apparte prima di prendere in giro uno che ci studia da 50 anni ci penserei 2 volte, ma vi ricordo che da Malanga a Mack alla Turner che questi volevano sbarcare prima o poi lo hanno detto tutti.
Lui pero' effettivamente dice qualcosa di mai sentito raccontare dagli addotti in Italia. Dice che questi alieni stanno crescendo ibridi insegnandogli a vivere qui, li stanno integrando nella nostra societa', facendoli anche interagire con gli addotti, affinchè quando sbarcheranno possano prendere il controllo della societa' in modo piu' agevole.
Parla di ibridi di vari livelli e addotti che li conoscono e frequentano nella vita normale sulla terra.
Sono perplessa, non l'ho mai sentito dire qui. Nessun addotto mi ha mai detto che a casa lo vanno a trovare ibridi...
Sto formulando ipotesi.
Oltre questo comunque il libro parla di informazioni spicciole sulle adduzioni. Moltissime cose le conosciamo bene, che gli addotti non si divertono per nulla, che vorrebbero vederle terminare, che sono oggetto di pesante controllo neurologico e che gli fanno credere cose false per confonderli il piu' possibile. Che sono addotti per discendenza genetica, che non si distinguono per sesso classe sociale ecc., che sono addotti fin da bambini fino alla vecchiaia... Cose che sappiamo.
Ma è curioso che dice circa le malattie degli addotti. Che agli alieni non importa se sei cardiopatico o diabetico, e che raramente curano queste cose, anche se hanno avuto casi di gente riportata guarita anche da una semplice influenza. Ma che evidentemente l'adduzione è incompatibile con: 1) gravi malattie neurologiche 2) gravi patologie psichiatriche.
Ora, qui non si è mai detto, ma neurologiche mi torna. L'addotto sappiamo che deve camminare con le gambe sue, se è malato di sla o sclerosi multipla forse mi torna che non lo prendano eh... Chi non cammina o si muove in autonomia forse gli pone problemi davvero.
Ma gravi malattie psichiatriche? Eppure addotti con doc o depressioni gravi ne abbiamo visti... Ho pensato che forse pero' chi reagisce in maniera assolutamente sconclusionata gli crea problemi effettivamente. Forse un pazzo davvero di quelli da legare gli pone troppi problemi?!
In Italia si dice invece che un addotto pesantemente drogato viene abbandonato per certe forme di parassitaggio non essendo piu' buono perchè intossicato.
lavori in corso...

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
03-08-2017, 01:25 AM
Messaggio: #2
RE: walking amoung us di David Jacobs
Ah una cosa molto carina che dice è che non gli piace il termine addotto. Che appiccica una etichetta speciale a persone che sono normalissime, che hanno solo la sfortuna di essere interessate dal progetto alieno. Ma non trova termini alternativi, gli altri usati in america che sottolineano che sono persone che fanno una esperienza non trasmettono abbastanza il fatto che è una esperienza negativa e son costretti loro malgrado, quindi usa addotto anche se non gli piace.

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
03-08-2017, 03:33 PM
Messaggio: #3
RE: walking amoung us di David Jacobs
Gran lavoro Fianna , mi piacerebbe leggere poi la versione tradotta..
Sulla psicopatologia, secondo me c'è da fare un distinguo importante ; una cosa sono i soggetti che soffrono di malattie di tipo psicotico , e sono d'accordo che possono non essere motivo di interesse alieno, un'altra sono gli addotti, che proprio a causa dell'esperienza , possono soffrire in seguito di disturbi di tipo psichico, che si eliminano insieme alla liberazione dall'alieno.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
03-08-2017, 04:21 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 03-08-2017 04:21 PM da Fianna.)
Messaggio: #4
RE: walking amoung us di David Jacobs
No ma non lo traduco scritto per tutti Luxor, cioe' capisco che c'e' scritto poi ci faccio un video e basta...

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-10-2017, 04:27 PM
Messaggio: #5
RE: walking amoung us di David Jacobs
Lui fa il solito discorso che nella memoria a breve termine non si ripesca nulla perchè è bloccata, e fa ricordare gli addotti da quella a lungo termine.

Ma chi sara' stato il primo ad accorgersi di questa cosa???
eh mi sa a sto punto budd hopkins...

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)