Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Contro la solitudine cercasi consigli di libri ed attività
15-12-2017, 01:27 PM
Messaggio: #11
RE: Contro la solitudine cercasi consigli di libri ed attività
Che poi la solitudine è un baco che ha la persona dentro, me ne sono convinta. Prendi me mi metti da sola in un'altra citta'. Me ne vado per musei, al cinema, cerco attività pedagogiche, vedo se hanno un centro ufologico, individuo la biblioteca. Ma quanto potrei restarci sola... Sono i soli che si isolano.
Datemi vostri pareri, di sicuro mi aiutano a capire.

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-12-2017, 06:13 PM
Messaggio: #12
RE: Contro la solitudine cercasi consigli di libri ed attività
Sono d'accordo, anche se distinguerei due tipi di solitudine, una consapevole per scelta, e quindi non sofferta, l'altra invece frutto di problematiche esistenziali come la difficoltà a relazionarsi con gli altri , che induce sofferenza e malinconia, e che a mio avviso va affrontata anzitutto col non chiudersi anche a se stessi, accettarsi per ciò che si è...esaltare le proprie attitudini o doti naturali, e convincersi che ognuno nella propria identità può dare molto anche agli altri.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-12-2017, 10:25 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-12-2017 10:32 PM da Fianna.)
Messaggio: #13
RE: Contro la solitudine cercasi consigli di libri ed attività
Siccome sono studiata, la classificazione precisa in psicologia dà

1) Solitudine psicologica, che è quel sentimento di solitudine che si ha dentro anche se si sta tra mille persone.In genere è primariamente una difficoltà a relazionarsi con se stessi, e poi con gli altri.
Questo ce lo hanno anche gli addotti, che per che vivono spesso si sentono stonati col resto del mondo e hanno lo zoo che non fa avere rapporti affettivi autentici.
2) Isolamento: il soggetto rifugge i rapporti per paura che gliene venga del male.
Un capellino anche questa è degli addotti, ma perchè cose strane con persone ostili ne hanno vissute davvero.
3) Solitudine buona, creativa, di incontro con se stessi. Propria di filosofi, eremiti, degli artisti.
Molti addotti, ancora addotti, la hanno questa eh ogni tanto.
4) Solitudine fisica subita, quando si è in prigione o in ospedale e si è davvero fisicamente soli lontani dagli altri e non si può andare via. Si associa a sentimenti dolorosi di solitudine.


Comunque se qualche forummino mi parla della sua solitudine da addotto mi fa un favore, mi orizzonto meglio su che cercare per chi ha questo problema che ancora deve liberarsi. Io mi regolo su altre cose, ma stranamente proprio questo non ce l'ho avuto mai. Un po' per amici che non son mai mancati, un po' per misantropia per cui un pomeriggio da sola diventava un allora vado al cinema a vedermi in santa pace un film o leggo felicemente in biblioteca... Sta cosa la capisco poco.

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)