Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 1 voti - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
LA MIA ESPERIENZA :)
08-05-2020, 07:47 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 08-05-2020 08:34 AM da Melenis.)
Messaggio: #1
LA MIA ESPERIENZA :)
Le prime avvisaglie che mi accadeva qualcosa di strano ho iniziato ad averle non da bambina, ma che ero già una donna adulta, moglie e mamma, per poi scoprirmi definitivamente addotta a trent’otto anni suonati. Ecco la mia esperienza. Prima, semplicemente, ero addormentata: non vedevo, oppure, più o meno consciamente “spazzavo sotto il tappeto” questioni che palesemente non quadravano. Sapevo, sentivo che c'era qualcosa di anomalo ed inespresso, ma non avevo voce, pensieri e consapevolezza per definirlo. Mi sono sempre giudicata una persona tutto sommato sensibile ed etica, con una mia forma intima del tutto personale di panteismo e spiritualità; ho sempre diffidato della religione cristiana e sono sempre stata piuttosto scettica anche con le altre. Io ero anche una di quelle persone non materialiste, ma che si fidano della scienza e sorridono divertite a tutte le realtà “altre” che siano il cristianesimo, oppure esempio, la magia. Davo spiegazioni psicologiche, psichiatriche, oppure di pura semplice cialtroneria dovute a protagonismo oppure a sete di soldi; non andavo più in là. Avevo comunque tutto sommato rispetto del sovrannaturale e del paranormale: accettavo che l’essere umano potesse avere esperienze inspiegabili, ma ero convinta che fossero cose lontanissime da me, totali rarità, eccezioni assolute ed io di non averci di certo nulla a che fare. Tutto è iniziato quando una giovane donna che chiamerò S. ed io, diventammo amiche intime. S. col senno di poi, aveva tutta le sintomatologia da addotta, anche se lei non parlava di alieni, bensì di spiriti, morti, angeli, demoni e lei si definiva una specie di strega malefica involontaria. Mi raccontava cose da film dell’orrore ed era convinta di essere posseduta; vedeva ombre nere, sveniva, aveva vuoti mentali, aveva problemi d'alcol, ogni tanto di droga e psicofarmaci, la bulimia ed una situazione non bella in casa. Io le dicevo che secondo me le sue esperienze potevano essere tutte riconducibili a problemi psicologici, ad una forte depressione, non certo a storie di fattucchiere, possessioni, demoni, maledizioni e cose simili. Più ci frequentavamo, più mi resi conto che stava accadendo qualcosa di strano anche a me ed alla mia quotidianità. Iniziarono fenomeni paranormali che non sapevo assolutamente spiegarmi. Non ne avevo paura, volevo anzi andare infondo e capire cosa ci stesse succedendo, non solo a lei, ma adesso ad entrambe. Cercando informazioni su internet, incappai nel Test di Autovalutazione di Corrado Malanga. Dissi ad S. per scherzare: “Guarda, piuttosto che credere alle possessioni di qualche demone medioevale oppure che esistano dei poteri in te da strega cattiva, sono piuttosto disposta a credere agli alieni ed alle loro interferenze!” Io ci sorridevo per sdrammatizzare, ma poi S. risultò positiva al Test. Lei andò nel pallone totale: entrò nel panico assoluto, scappò via da me e da tutta la situazione. Non la vidi né sentì mai più. Rimasi malissimo … tuttavia questo tarlo ormai si era già insinuato da un pezzo nella mia psiche. Perché questa persona così particolare era entrata nella mia vita, portandomi fin lì? Mi presi del tempo per meditare la cosa ... e fare anche io per bene quel Test. Non lo consegnai subito, lo compilai a più riprese, rileggendo, riflettendo, più giorni. Mi resi conto che man mano che il tempo passava, più riaffioravano nella mia mente cose passate e presenti inspiegabili, buchi e crepe esistenziali, situazioni, sensazioni, emozioni dal mio passato che avevo deciso di cancellare, evitare o non vedere proprio. Ne usciva un bilancio sempre meno rassicurante anche purtroppo supportato da cicatrici, paralisi notturne e da sogni sempre più rivelatori. Prendevo atto con crescente angoscia che con me quelle cose c’entravano … eccome! Quando consegnai il Test al deadduttore per avere la risposta, praticamente la conoscevo già. Ero in pieno shock ontologico: non sarebbe stato niente, mai più, come prima. Terrore ed orrore allo stato puro. Avevo un compagno lontano mille miglia da queste cose … e due bambini piccoli. L’angoscia per loro era devastante. Fu l’inizio di un periodo infernale, durato anni. Per farla breve, passai da un deadduttore malanghiano che non riuscì a far nulla alzando le interferenze, ad uno che invece si era distaccato da quel giro, ma sempre con tecniche di derivazione malanghiana. Le ipnosi poi furono per me traumatiche. Rivissi incontri e situazioni sulla pelle con grande stress ed angoscia. Evidentemente il deadduttore non aveva cognizione di cosa stesse facendo. Altre tecniche furono il SINBAD, la TCT e poi meditazioni con stanze varie, in cui Coscienza veniva tripartita in Mente, Spirito ed Anima. Un disastro totale, un nulla di fatto ed uno scivolare lento ed inesorabile nell’abisso dell’impotenza. Il mio compagno era estremamente preoccupato per la mia salute mentale, per la nostra famiglia, per i bambini … ed anche io. Ad un certo punto volli anche recarmi di mia spontanea volontà da una psicologa e poi da una psichiatra: chiesi io stessa di sottopormi a qualcosa che testasse la mia salute mentale con una certa celerità. Mi feci somministrare il Minnesota "Multiphasic Personality Inventory" (MMPI). Mi venne diagnosticata una soglia di ansia e depressione leggermente superiore alla media e nient’altro. Non volli prendere psicofarmaci. Non so come, trovai il coraggio di parlare alla psichiatra della questione Abductions, prendendola molto larga e trasversale (disturbando Jung e le sue “strane esperienze”) fino a mostrarle la cicatrice vicino all’ombelico su sua richiesta. Questa persona era estremamente gentile, tranquilla, rassicurante; non disse nulla in proposito nè mi mi mise a disagio. Non mi disse di andarmene, tuttavia nel giro di due sedute - in cui nessuna di noi due riaffrontò l’argomento - mi fece intendere che se non fossi più tornata, non c’era alcun problema. Da allora fu un vagare senza meta in cerca di un aiuto inesistente ad un deterioramento della mia esistenza in tutti i settori. Il Prof. Malanga aveva crudelmente liquidato gli addotti come fossero un problema passato, ormai invisibili, oppure poveracci isolati nelle beghe esclusivamente per colpa loro. Nel giro dei deadduttori beccavo solo addotti inconsapevoli, matti cialtroni o gente che non sapeva che pesci pigliare. Non mi fidavo più di nessuno e mi chiusi. Mi sentivo sempre più bloccata, depressa, debole, in balia degli eventi e di queste entità. Se alzavo la testa, capitava subito qualcosa a livello fisico, oppure nella vita quotidiana, ad ostacolarmi, ad abbattermi in modo puntuale come un orologio. Un accumulo infinito e sfinente di blocchi, tentativi di reagire e bastonate regolari. Più provavo a liberarmi (e magari un po’ ci riuscivo) più alzavano l’interferenza. Intanto gli alieni sciorinavano tutto il loro repertorio perfettamente, come da manuale. Una volta che li avevo smascherati sul piano dell’invisibilità, avevano provato a tenermi ferma con la storia degli alieni cattivi ed invincibili; quindi fenomeni paranormali, molestie e possessioni. Poi con un abbozzo di partner alieno, mandato subito a quel paese. Subito dopo cercando di far leva su sedicenti figli ibridi da vedere ed accudire, se accettavo l’intrusione ... mandati a quel paese anche quelli. Quindi, la carta falsamente salvifica degli alieni buoni che mi avrebbero aiutato contro i cattivi nonchè accolto e protetto. Hanno sciorinato tutto il repertorio del contattismo “amore, luce, armonia” cercando di farmi sentire una sedicente starseed che doveva ancora trovare la sua missione … tuttavia la mia vita continuava ad essere sempre la stessa se non a peggiorare.
La morte di mio padre, per quanto dolorosa, è stata la molla che mi ha fatto dire “BASTA”.
Ho ripreso le mie ricerche e ho trovato L.A.R.I.S. Qui vi domando di porre tutta la vostra attenzione, perché è estremamente importante. Incontrare questa Associazione, unica nel suo genere, è stato fondamentale, una svolta radicale, un vero e proprio corroborante “viaggio verso casa”. Un'oasi sicura dove trovare persone competenti ed anche amici. Ha cambiato completamente la mia visione della vita … o meglio: mi ha restituito la mia vita, la mia “visione originale” dell’esistenza, unica e mia, come avrebbe dovuto essere, in rapporto a me stessa ed alla mia interiorità. Io, con me, senza intrusioni, senza deviazioni, senza deformazioni. Era stato spezzato il contatto primario dentro di me con me stessa, con la mia Essenza. L.A.R.I.S. lo ha sanato, in modo non solo pieno, ma rapido e permanente. Dopo la tecnica di liberazione mi sono alzata dalla sedia leggera come una piuma, carica, tonificata e felice. Prima distrutta, bloccata, esaurita com’ero dalla sindrome fibromialgica, da tre ernie lombosacrali, non ci potevo credere. Non riuscivo a capacitarmi davanti a quelle sensazioni ed al dolore che se ne era andato. Lo stesso i giorni, le settimane, i mesi dopo. Mi commuovo ancora al pensiero: per la prima volta in vita mia, al primo colpo, gli Operatori L.A.R.I.S. - nella persona della Dott. Perfetti e del Dott. Madon - mi hanno aiutato a trovare la mia Coscienza allo specchio, dopo anni ed anni a provarci disperatamente e senza riuscirci. E’ stato il regalo più grande che potessi ricevere. Il benessere e le sensazioni meravigliose di gioia senza alcuna ragione specifica, anche quando non c’è nulla di cui gioire: poi le bellissime emozioni infantili dimenticate, la rinnovata forza ed energia, l’ottimismo, il silenzio mentale totale, la tranquillità. Oltre questo, la limpidezza e la semplicità nei processi mentali e cognitivi, nonché la stabilità d’umore, una nuova impermeabilità alle situazioni. Mentre scrivo in questo momento ascolto Mozart: la sua “musica bambina” descrive perfettamente la mia Essenza e rivivo tutto con grande soddisfazione e piacere. Sento anche ora, in questo istante, il calore e le vampate fisiche di quelle sensazioni intense, grazie al contatto con la mia Coscienza. Vorrei dire alle persone addotte che non importa l’età, il sesso, la situazione sociale, familiare ed economica: vi prego, vi prego di cuore, per voi stessi e per tutti, LIBERATEVI. Trovate la forza, prendete questa decisione, non ve ne pentirete. Sarete aiutati, sostenuti, consigliati. Consultate con fiducia tutto il materiale audio-video completamente gratuito della L.A.R.I.S. e se volete farvi seguire da un Operatore si trovano tempi e modi adatti a tutti. Non aspettate, non chiudetevi, non perdetevi per strada anni, come ho fatto io. Avete strumenti potenti a disposizione dentro di voi che L.A.R.I.S. sa tirar fuori per cacciare queste intrusioni per sempre dalla vostra vita. Tutto questo, insieme al supporto di una rete di persone che ci sono passate, che vi comprendono e vi stanno vicino. Non buttate via questa occasione decisiva perché vi hanno inculcato in testa lo schema alieno che “bisogna fare da soli”. Sono bugie di alieni e di alienati a cui fa comodo che voi vi defiliate in sordina e rimaniate schiavi. Non permettetelo oltre. E’ proprio questo che ha bloccato me per parecchio tempo e mi sarei risparmiata tanto dolore e sofferenza in più. Vi auguro il meglio.
Vi abbraccio! Heart
Giulia.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)