Scrivi una discussione  Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Libro che aiuta con le àncore
05-11-2011, 08:50 PM
Messaggio: #1
Libro che aiuta con le àncore
Questo ce lo consiglio' Max Del Genio in chat e passiamo al popolo il consiglio Blush

"Guida per l'Esperto alle Submodalità", Bandler e Grinder

Me lo consiglio' mentre mi faceva fare un àncora venita super bene Smile
Io lo compro Smile

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
05-11-2011, 09:47 PM
Messaggio: #2
RE: Libro che aiuta con le àncore
Ha scritto davvero molti libri sull'argomento...molto interessante, penso che ci farò un pensierino.

http://www.ilgiardinodeilibri.it/autori/...andler.php
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
05-11-2011, 09:57 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 05-11-2011 09:57 PM da Fianna.)
Messaggio: #3
RE: Libro che aiuta con le àncore
senti oggi mi ha aiutato con un àncora in chat. Prima mi ha fatto tenere ferma l'immagine parecchio, piu' che ci riuscivo, e poi spostarla a destra, sinistra, capovolgerla, e farla in bianco nero...E ho recuperato molte cose.
Se la sposti a sinistra esce che c'era a destra!!!
Fantastico....

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
05-11-2011, 10:46 PM
Messaggio: #4
RE: Libro che aiuta con le àncore
Interessante Smile è un pò come fare il regista....
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-11-2011, 09:24 AM
Messaggio: #5
RE: Libro che aiuta con le àncore
Il paragone calza, ma se volessimo essere ancora più precisi dovremmo dire che assomiglia più al ruolo dell'editor/montaggista; quello che arriva quando le scene sono già girate ma il film non è pronto.

Fianna mi ha chiesto di consigliarle un libro che trattasse ciò che stavamo facendo e, dal momento che le ancore hanno a che fare con le submodalità, le ho suggerito questo volumetto piccolo ma intenso. Infatti, l'aggettivo "esperto" che c'è nel titolo significa proprio quello che vuol dire.. non è di facilissima lettura.

In generale, tra i vari requisiti utili al de-adduttore, figura una buona conoscenza della PNL e per raggiungerla mi sono sentito consigliare (e consiglio a mia volta) la lettura/studio dei cosiddetti "gialloni" dell'astrolabio, di cui ho pubblicato una selezione anche qui: http://ufomachine.org/multimedia/libri/2...liati.html
Se dovessi invece consigliare un libro per avvicinarsi all'argomento PNL e Ipnosi la scelta cadrebbe senza dubbio su "
La Mia Voce ti Accompagnerà", I racconti didattici di Milton Erickson.

Tutto questo serve ad avere una "cassetta per gli attrezzi" più fornita possibile da usare ogni volta con creatività, adattandosi al soggetto. Sbaglia, chi crede di poter svolgere esercizi di questo tipo ripetendo pedissequamente una procedura sentita da un'altra persona rivolta ad un altro soggetto.. e a fare questo errore sono in tanti.

Per Stefo: Bandler e Grinder sono considerati i padri della PNL, ispiratisi al lavoro di Erickson. L'esercizio con Fianna ha voluto cogliere un aspetto che le limitava l'accesso ai ricordi sfruttando parte di una tecnica chiamata "squash" e quello che Erickson chiama "prescrizione del sintomo", conosciuto anche come il paradosso della mucca.. Wink
Milton si trovava ad osservare un allevatore che, durante un temporale, tentava di far entrare una mucca in una stalla. L'animale, testardo, resisteva ad ogni tentativo dell'uomo di spingerlo da dietro o di tirarlo dalla parte della testa finché ad un certo punto ha cominciato a tirarlo dalla parte della coda. L'animale, nella sua testardaggine, ha cominciato a opporre resitenza dalla parte contraria alla forza esercitata.. finendo senza volerlo dentro la stalla.

Alle volte, anche la memoria e l'inconscio si comportano come questa mucca. opponendo resitenza, per cui si prova a prescrivere il sintomo. Faccio un esempio banale: persona che si mangia le unghie e vuole smettere.
Gli si prescrive di mangiare minuziosamente ogni unghia, anche quelle dei piedi se possibile, in orari prestabiliti e rigorosi ogni giorno, iniziando dai pollici e arrivando ai mignoli. Ad un certo punto scatterà qualcosa all'interno del soggetto che gli farà dire "ma perché devo fare questa pagliacciata?" modificando la percezione dell'evento da "istinto irrinunciabile" a "pallosa incombenza". E da quel momento non vorrà più mangiarsi le unghie "a comando", perché in sostanza chi glielo fa fare?
Ecco che, trovandoci di fronte ad un'immagine dalla quale non si riesce a procedere nella ricostruzione del ricordo, ci si obbliga a non procedere, a rimanere il più possibile "fermi" su quel fotogramma.. il più possibile.. resistendo all'impulso di andare a vedere cosa c'è dopo.. fino al momento in cui, non facendocela più (la mente non ama molto l'immobilità), la sequenza si scatena come un torrente in piena liberando la tensione accumulata e svolgendo completamente il film..
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-11-2011, 08:15 PM
Messaggio: #6
RE: Libro che aiuta con le àncore
Citazione:Tutto questo serve ad avere una "cassetta per gli attrezzi" più fornita possibile da usare ogni volta con creatività

Sono perfettamente d'accordo Smile infatti la rigidità del metodo e degli schemi mentali porta alla fragilità e di conseguenza alla rottura.
Molto bello l'esempio della mucca...a volte esempi molto semplici sono più efficaci di un libro intero. Smile
Grazie per la risposta e per la dritta sui libri, li leggerò appena finisco quelli che ho in ballo, se no non concludo niente. Smile
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
18-12-2011, 12:05 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 18-12-2011 12:08 AM da Fianna.)
Messaggio: #7
RE: Libro che aiuta con le àncore
[Immagine: libromax.jpg]

Eccolo arrivato finalmente Blush
Vi dico qualcosa su questo libro dopo che gli ho dato una prima scorsa e ho letto l'introduzione:
si presenta come un manuale di programmazione neurolinguistica, ma è piccolino, saranno 100 pagine, e spiega come agendo sulle submodalità si può cambiare il modo in cui le esperienze sono vissute dalle persone. Le submodalità sono i parametri più semplici in cui il cervello codifica l'esistenza, e sono le sottocategorie delle modalità principali di rappresentazione della realtà che abbiamo, il sistema: visivo , auditivo, cinestetico, olfattivo, e gustativo. Es. le submodalità del sistema visivo sono : luminosità, colore, dimensioni, collocazione spaziale ecc. Il libro è proprio un manuale, quindi prima insegna a riconoscerle queste submodalità, poi a sperimentarle con esercizi e poi a operare su di esse per ottenere cambiamenti. veramente ho visto che gli esercizi son da fare in coppia, mi sa che mi serve un volontario...
Gli autori, Bandler e Grinder, io già li avevo sentiti nominare, e infatti mi sono ricordata che nei miei esami di piscologia e pedagogia li citavano. Avevo già studiato qualcosa di loro per Pedagogia Speciale (pedagogia per i bisogni speciali) , ed erano tra gli autori che avevano contribuito a mettere in rilievo la plasticità della mente umana, soppiantando la vecchia concezione che tendeva a vedere le capacità come qualcosa di fisso, il vecchio concetto del q.i. per intendersi, che serviva solo a classificare la gente senza dire nulla delle potenzialità nè di come poteva evolvere...In pratica come si capisce già dalle prime pagine del libro, insegna a cambiare in positivo, per primo spiega come agiscono sulle fobie per superarle Blush
Me lo leggo e vi scrivo i miei appunto qui capitolo per capitolo, cosi' vedete di che parla un pò piu' nello specifico . Tanto a me serve, l'ho aspettato tanto (è un libro del 92, non si trova bene, ANZI: quindi prendetelo via internet perchè ordinato in libreria qui a Prato ci ha messo tempi biblici ad arrivarmi....) e ora speriamo che mi aiuti a ricordare l'ultima volta che son venuti i militari che è successo, perchè con tutta la mia buona volontà io non ci ho cavato nulla ancora.
Vediam Blush

Ciascuno di noi è, in verità, un'immagine del grande gabbiano,
un'infinita idea di libertà, senza limiti.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)